Lavoratori Regime Impatriati esperti Monza novita 2024

Il nuovo regime impatriati 2024 verso la versione definitiva

Il regime impatriati con decorrenza 1° gennaio 2024 subirà un cambiamento nella durata e nei requisiti.

Già con la riunione del 16 ottobre 2023 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Documento programmatico per la legge di Bilancio 2024, nonché un decreto legislativo attuativo della legge delega per la riforma fiscale dedicato alla fiscalità internazionale.

A tale riguardo si evidenzia la proposta di modifica del regime impatriati di cui all’articolo 16 del D.lgs 14 settembre 2015, n. 147.

Tale misura dovrà essere approvata definitivamente dal Parlamento. In allegato l’ultima versione contenuta nell’articolo 5 “nuovo regime agevolativo a favore dei lavoratori impatriati” contenuta nel numero 90 dell’Atto di governo sottoposto a parere parlamentare.

Tale versione, dovrebbe essere considerata oramai definitiva, salvo variazioni in fase di ultima approvazione.

Nell’ultima bozza trasmessa alla Presidenza del Senato in data 7 novembre 2023 (allegata alla presente), si stabilisce che il nuovo regime impatriati, restrittivo, NON si applica ai contribuenti che trasferiscono la residenza anagrafica in Italia entro il 31 dicembre 2023; prevedendo a tale riguardo un regime transitorio. Pertanto, per tali soggetti che acquisiscono la residenza anagrafica in Italia nel 2023, senza acquisire nel 2023 la residenza fiscale di cui all’articolo 2 del Dpr 917/86, verrà comunque applicato il regime attuale piu favorevole con abbattimento della base imponibile del 70% oppure 90%.

A tale riguardo, particolare attenzione dovrà essere posto al nesso di causalità tra il trasferimento della residenza e l’attività lavorativa, onde evitare contenziosi, ad oggi numerosi e pendenti con l’Agenzia delle Entrate.

Le nuove condizioni per la nuova norma del regime impatriati sono le seguenti:

  • I redditi di lavoro dipendente, i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, i redditi di lavoro autonomo prodotti in Italia da lavoratori che trasferiscono la residenza nel territorio dello Stato ai sensi dell’articolo 2 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, entro il limite di 600.000 euro concorrono alla formazione del reddito complessivo limitatamente al 50 per cento del loro ammontare al ricorrere delle condizioni di seguito riportate:a) I lavoratori non sono stati fiscalmente residenti in Italia nei tre periodi d’imposta precedenti il predetto trasferimento e si impegnano a risiedere fiscalmente nel territorio dello Stato per almeno cinque anni.b) L’attività lavorativa viene svolta nel territorio dello Stato in virtù di un nuovo rapporto di lavoro con un soggetto diverso da quello presso il quale il lavoratore era impiegato all’estero prima del trasferimento nonché da quelli appartenenti al suo stesso gruppo.c) L’attività lavorativa è prestata per la maggior parte del periodo d’imposta nel territorio dello Stato.d) I lavoratori sono in possesso dei requisiti di elevata qualificazione o specializzazione come definiti dal decreto legislativo 28 giugno 2012, n. 108, e dal decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206.

Una delle novità piu’ importanti è concentrata dalla specifica richiesta dei requisiti di lavoratori con elevata qualificazione o specializzazione.

Cio’ considerato, è necessario farsi riferimento a quanto previsto dal decreto legislativo 28 giugno 2012, n. 108, il quale, recependo la Direttiva europea n. 2009/50/CE, prevede che tale requisito ricorre nelle ipotesi di:

  • Conseguimento di un titolo di istruzione superiore rilasciato da autorità competenti nel Paese dove è stato conseguito che attesti il completamento di un percorso di istruzione superiore di durata almeno triennale e della relativa qualifica professionale superiore, rientrante nei livelli 1 (legislatori, imprenditori e alta dirigenza), 2 (professioni intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione) e 3 (professioni tecniche) della classificazione ISTAT delle professioni CP 2011, attestata dal paese di provenienza e riconosciuta in Italia;
  • Possesso dei requisiti previsti dal decreto legislativo 6 novembre 2007, n. 206, limitatamente all’esercizio delle professioni ivi regolamentate.

Lo Studio è specializzato nella fiscalità internazionale e prevede soluzioni specifiche per i singoli clienti.

Abbiamo percorsi di studio presso Università di eccellenza in Europa con corsi e master riconosciuti fra i migliori al mondo.
Abbiamo la cultura della qualità e i nostri pareri sono autorevoli perché sono pubblicati sui quotidiani economici di riferimento in Italia, quali Il Sole 24 ore e Italia Oggi; ma soprattutto perché altri clienti di successo hanno creduto in noi.

 

Download – Bozza nuovo Regime impatriati

Regime Impatriati nesso residenza attivita

Il regime Impatriati e il nesso di casualità tra il trasferimento della residenza e l’attività lavorativa

La sentenza n. 2587/2023 della Corte di Giustizia Tributaria di Milano, stabilisce che il collegamento diretto tra l’attività lavorativa e il trasferimento della residenza in Italia, per disporre del regime impatriati non è necessario, in quanto non richiesti dalla norma ed è solo previsto dalla Prassi dell’Agenzia delle Entrate.

Uno dei problemi più sentiti da coloro che acquisiscono la residenza in Italia, soprattutto dopo il 3 luglio 2023 e prima del 31 dicembre 2023, ai fini dell’applicazione del regime impatriati, è il preteso (da parte dell’Agenzia delle Entrate) nesso di causalità tra il trasferimento della residenza e l’attività lavorativa.

Infatti l’Agenzia delle Entrate sia nella CM 33/2020, paragrafo 1, che nella la CM 17/2017 (parte II, paragrafo 3.1) nonché in risposte ad Interpelli pubblici (Risposta 59/2020) ha sostenuto che possono fruire degli incentivi, di cui trattasi, anche coloro che trasferiscono la residenza in Italia prima di iniziare lo svolgimento di detta attività, a condizione che sia ravvisabile un collegamento tra i due eventi.

Tale collegamento, può essere riconosciuto, ad esempio, ad un contribuente che, trasferitosi in Italia nel mese di maggio 2023, in seguito ad un pre-contratto stipulato nell’aprile del 2023 sia stato assunto nel mese di settembre 2023.

Mentre, non può prefigurarsi un nesso causale tra i due eventi laddove il rientro in Italia sia genericamente preordinato alla ricerca di un impiego, oppure nel caso in cui non sia preceduto da accordi puntualmente formalizzati o dalla sottoscrizione di un nuovo contratto di lavoro.

Il nesso di causalità tra il trasferimento della residenza e l’attività lavorativa in Italia è previsto solo dai documenti di Prassi dell’Agenzia delle Entrate e non dalla stessa norma di cui all’articolo 16 Dlgs 147/2015.

Lavoratori Impatriati: applicazione

Questo è il senso della sentenza n. 2587 pubblicata il 10 luglio 2023della Corte di Giustizia Tributaria di 1° grado di Milano, che ha provveduto a decidere, relativamente al regime impatriati, del ricorso di un contribuente che, rientrata dall’estero in Italia nel 2019 aveva iniziato a lavorare presso la filiale italiana della multinazionale presso la quale aveva precedentemente lavorato in Brasile, nel febbraio 2020, vedendosi rifiutare il rimborso delle imposte pagate sui redditi di lavoro dipendente prodotti nel territorio dello Stato italiano nel 2020.

La sentenza della CGT di Milano n. 2587 del 10/7/2023, stabilisce testualmente che: “La norma non prescrive, invece, alcun periodo temporale minimo che debba intercorrere tra la data di trasferimento in Italia e l’inizio dell’attività lavorativa; neppure richiede una disamina dei motivi soggettivi che avrebbero indotto il contribuente a trasferirsi in Italia.”.

I giudici, quindi hanno evidenziato nella stessa decisione che il lasso temporale dei 6 mesi trascorsi tra l’iscrizione nelle anagrafe della popolazione residente e l’inizio dell’attività lavorativa è stato reputato compatibile con le esigenze connesse al trasferimento della contribuente e della famiglia in Italia; pertanto si tratterebbe di una mera circostanza fattuale, che nulla ha a che vedere con i requisiti richiesti per l’accesso al regime, ritenuti sussistenti nel caso di specie.

La pronuncia rientra nell’ambito di un filone di sentenze favorevoli al contribuente nell’ambito del regime impatriati, diretto a tutela i diritti dei cittadini rispetto ad interpretazioni dell’Agenzia delle Entrate definite “ultra legem”.

Infatti, è possibile sostenere che la posizione restrittiva dell’Amministrazione Finanziaria, non solo non trova alcun riferimento normativo e contrasta con la ratio della legge del regime impatriati, ma evoca anche contraddizione e assoluta aleatorietà, inducendo i contribuenti in errore, creando confusione e costi ingiustificati, visto l’importanza dell’agevolazione ai fini della riduzione delle imposte.

 

Lo Studio è specializzato nella fiscalità internazionale e prevede soluzioni specifiche per i singoli clienti.

 

Abbiamo percorsi di studio presso Università di eccellenza in Europa con corsi e master riconosciuti fra i migliori al mondo.

Abbiamo la cultura della qualità e i nostri pareri sono autorevoli perché sono pubblicati sui quotidiani economici di riferimento in Italia, quali Il Sole 24 ore e  Italia Oggi; ma soprattutto perché altri clienti di successo hanno creduto in noi

INPS regime impatriati

Impatriati, per lavoratori autonomi e imprenditori individuali anche i contributi previdenziali sono calcolati sul reddito agevolato

di Marco Nessi e Alberto Traballi
tratto da NT+ Fisco de Il Sole 24 Ore del 7 luglio 2023.

 

Nella circolare 7 giugno 2023, n. 52, l’Inps ha risolto soltanto parzialmente, per i lavoratori impatriati (ex articolo 16 e seguenti, Dlgs 147/2015) l’annoso dubbio interpretativo relativo alla formazione della corrispondente base imponibile previdenziale, avendo affermato che, nei casi di barratura della casella in corrispondenza dei quadri RF e RG (relativi alle imprese individuali), la base imponibile è la stessa individuata ai fini Irpef.

In base all’articolo 16 del Dlgs 147/2015, i redditi di lavoro dipendente (ed assimilabili) e i redditi di lavoro autonomo prodotti in Italia da lavoratori che trasferiscono la residenza nel territorio dello Stato (ex articolo 2, Tuir), concorrono alla formazione del reddito complessivo limitatamente al 30% del loro ammontare al ricorrere delle seguenti condizioni:

1. i lavoratori non sono stati residenti in Italia nei due periodi di imposta precedenti il predetto trasferimento e si impegnano a risiedere in Italia per almeno due anni;

2. l’attività lavorativa è prestata prevalentemente nel territorio italiano.

Il regime impatriati è applicabile anche ai redditi d’impresa prodotti dai soggetti che avviano un’attività d’impresa in Italia, a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2019.

Lo «sconto» sui contributi previdenziali

Alla luce di quanto sopra, se ai fini fiscali è indubbia l’uniformità di trattamento tra i differenti soggetti (in quanto, in tutti i casi, ai fini Irpef concorre alla formazione del reddito complessivo soltanto il 30% dei relativi redditi), ai fini contributivi i chiarimenti forniti dall’Inps, essendo stati limitati ai solo imprenditori individuali (ed avendo escluso i lavoratori autonomi), determinano legittimamente una situazione di incertezza in merito alla possibilità di uniformare il trattamento contributivo applicabile nei confronti dei vari soggetti interessati dell’agevolazione.

In tal senso si consideri che:

  • nel report informativo del Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro del 28 aprile 2023, l’Inps ha confermato la necessità di determinare la base imponibile previdenziale relativa alla gestione separata dei lavoratori autonomi sul reddito delle attività determinato con gli stessi criteri stabiliti ai fini Irpef, così come risulta dalla relativa dichiarazione annuale dei redditi e dagli accertamenti definitivi;
  • con riferimento alla compilazione del quadro RR, sezione II, le istruzioni del modello Reddito PF prevedono la corrispondenza tra l’imponibile previdenziale e il reddito complessivo (ne deriva che, in corrispondenza del quadro RR ai fini della gestione separata Inps deve essere indicato il reddito agevolato proveniente dal rigo RE25, analogamente l’importo di RE25 è lo stesso che va a confluire nel quadro RN 1 – reddito complessivo).

In senso analogo, in assenza di deroghe espresse, anche il trattamento previdenziale dei lavoratori autonomi impatriati dotati di casse previdenziale (avvocati, commercialisti, geometri, etc.) deve ritenersi uniformato alla base imponibile agevolata ai fini fiscali. Questa conclusione trova un’implicita conferma nelle istruzioni diramate dalle medesime casse di previdenza, in cui è espressamente indicata la necessità di far riferimento ai fini previdenziali al reddito dichiarato ai fini fiscali.

Con riferimento ai lavoratori dipendenti impatriati, però, non sussiste alcun specifico chiarimento da parte dell’Inps relativamente alle modalità di determinazione della base imponibile ai fini contributivi. Ad oggi, i sostituti di imposta, ovvero i datori di lavoro che ricevono dal dipendente l’autocertificazione per l’applicazione del regime impatriati, provvedono a derogare al principio contenuto nel Dlgs 314/97 dell’armonizzazione delle basi imponibili ai fini fiscali e previdenziali. Pertanto, per i lavoratori dipendenti, l’agevolazione del regime impatriati è “limitata” ai soli fini fiscali mentre ai fini previdenziali i contributi sono richiesti sull’intero reddito. La mancata armonizzazione fiscale e previdenziale dei dipendenti, se confermata, determina un ingiustificato diverso trattamento tra i lavoratori autonomi e gli imprenditori da una parte e i lavoratori dipendenti dall’altra. Sulla questione è quindi auspicabile un intervento chiarificatore da parte dell’Inps.

 

Regime impatriati residenza sud Italia

Regime degli impatriati: i requisiti per coloro che trasferiscono la residenza al Sud Italia.

E’ prevista una tassazione agevolata dei redditi dei Lavoratori Impatriati, al fine di incentivare il trasferimento nel Sud Italia di lavoratori con alte qualificazioni e specializzazioni.

Impatriati regime fiscale

Agevolazione impatriati e recupero degli anni pregressi

Modalità di esercizio dell’agevolazione impatriati e recupero degli anni pregressi non esercitati: una possibile soluzione, attraverso le recentissime sentenze della Giurisprudenza Tributaria.

 

L’Agenzia delle Entrate sia con la Circolare Ministeriale n. 33/E del 2020 che con la risposta all’Interpello n. 59/2020 ha sostenuto che non è ammesso il recupero, tramite dichiarazione integrativa, dell’agevolazione dei rimpatriati, per le annualità per le quali il contribuente non ha effettuato la richiesta al datore di lavoro o non ne abbia data evidenza nelle dichiarazioni dei redditi i cui termini di presentazione ordinari siano scaduti.

Ciò detto, contrariamente alla posizione restrittiva dell’Agenzia delle Entrate, è possibile il recupero degli anni in cui la dichiarazione è stata presentata attraverso la richiesta di rimborso. Infatti la Commissione Tributaria Provinciale di Milano con la sentenza n. 4779/1/2021 del 22/12/2021 e successivamente la Commissione Tributaria Regionale della Lombardia con sentenza n. 4023 del 20 ottobre 2022, hanno stabilito che è legittima l’istanza di rimborso delle imposte versate in misura piena per effetto della mancata applicazione del regime impatriati di cui all’articolo 16 del Dlgs 147/2015.

La Commissione Tributaria Provinciale di Milano ha stabilito con la sentenza n. 4779/2021 che, in presenza dei requisiti per accedere al beneficio del regime degli impatriati, qualora non sia stata effettuata alcuna richiesta al datore di lavoro, risulta possibile la richiesta di rimborso dell’eccedenza delle imposte versate. Analogamente la recentissima sentenza della Commissione Tributaria Regionale della Lombardia n. 4023 del 20/10/2022.

 

Modalità di esercizio dell’agevolazione per i lavoratori impatriati

Le modalità di esercizio dell’agevolazione sono contenute nella CM 33/2020 e si differenziano a seconda che si tratti di lavoratore dipendente oppure lavoratore autonomo.

  • Esercizio dell’agevolazione per i lavoratori dipendenti
    Per beneficiare del regime agevolato il lavoratore deve presentare una richiesta scritta al datore di lavoro, ovvero un’autocertificazione ai sensi del DPR 445/2000.
    Pur essendo indicati gli elementi che sono contenuti nell’autocertificazione non sussiste un modello Ministeriale all’uopo definito. Il datore di lavoro applica il beneficio (ovvero l’agevolazione) a partire dal periodo di paga successivo a quello della richiesta. Inoltre, in sede di conguaglio dalla data dell’assunzione, mediante l’applicazione delle ritenute sull’imponibile ridotto alla percentuale di reddito tassabile.
    Nelle ipotesi in cui il datore di lavoro non abbia potuto oppure voluto, riconoscere l’agevolazione il contribuente può, in presenza dei requisiti richiesti dalla norma, applicarli direttamente nella dichiarazione dei redditi (modello Unico oppure 730). In questo caso il reddito da lavoro dipendente deve essere indicato nella misura ridotta nel quadro riferito al lavoro dipendente attraverso la compilazione di apposite caselle.
  • Esercizio dell’agevolazione per i lavoratori autonomi
    I lavoratori autonomi, invece, possono accedere al regime fiscale agevolato direttamente in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi o, in alternativa, direttamente in sede di applicazione della ritenuta d’acconto effettuata dal committente sui compensi percepiti.
    In quest’ultimo caso il professionista (come indicato dalla CM 17/E/2017, Parte II, Paragrafo 4.2.2) puo’ presentare a ciascun committente una richiesta scritta, così che il committente, all’atto del pagamento del corrispettivo, opera la ritenuta del 20% sull’imponibile ridotto alla percentuale di reddito tassabile.

 

Esercizio dell’agevolazione nella Dichiarazione Dei Redditi

Secondo l’Agenzia delle Entrate, con la Circolare Ministeriale n. 33/E del 2020 e che con la risposta all’Interpello n. 59/2020, qualora il lavoratore non abbia formulato alcuna richiesta al proprio datore di lavoro nel periodo di imposta in cui è avvenuto il rimpatrio, né abbia dato evidenza nelle relative dichiarazioni dei redditi, i cui termini di presentazione sono scaduti, per detti periodi di imposta l’accesso al regime deve considerarsi precluso. La Circolare n. 33/2020 evidenzia che per “termine di presentazione” si deve ritenere quello ordinario di presentazione del Modello Redditi Persone Fisiche.

Nel caso in cui il contribuente non si sia avvalso dell’agevolazione al momento della presentazione della dichiarazione, ad esempio nel modello 730 presentato nei termini, può avvalersene presentando nei termini ordinari il Modello Redditi Persone Fisiche (correttiva nei termini). Si considerano comunque valide le dichiarazioni presentate entro 90 giorni dalla scadenza del termine, salva l’applicazione delle sanzioni amministrative per ritardo (dichiarazioni tardive).

Si evidenzia, tuttavia, che il contribuente che non ha esercitato il diritto per uno o piu’ anni, potrà fruire del regime per i restanti periodi di imposta del quinquiennio agevolabile.

 

Esercizio dell’agevolazione oltre i termini di presentazione della dichiarazione

Deve essere evidenziato che una volta trascorso il suddetto periodo, secondo l’Agenzia delle Entrate, è preclusa la possibilità di indicare il reddito agevolabile in misura ridotta. Pertanto, per l’Agenzia delle Entrate, quindi è preclusa la possibilità di presentare una dichiarazione dei redditi (integrativa a favore) oltre il termine di 90 giorni dalla scadenza ordinaria. Quindi, l’integrativa a favore con richiesta di rimborso delle imposte dovute non appare ipotesi applicabile per l’Agenzia delle Entrate.

Le sentenze della Giurisprudenza e l’attività di consulenza fino al contenzioso dello Studio Traballi & Associates

 

Come anticipato, quanto sostenuto dall’Agenzia delle Entrate, in merito ai termini di esercizio del regime impatriati, nonché della impossibilità di usufruirne scaduto il termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi, è contenuto solamente nella CM 33/2020 e nella risposta ad interpello n. 59/2020.

Poiché sia la Cassazione (sentenza n. 6185/2017), sia il Consiglio di Stato (sentenza n. 567/2017) che  addirittura la Corte Costituzionale (sentenza n. 33/2019), hanno più volte chiarito che le circolari dell’Amministrazione non vincolano cittadini e aziende, né il giudice, non costituendo fonte di diritto e dovrebbero limitarsi a fornire indicazioni utili agli uffici preposti sul territorio all’attuazione delle norme stesse.

Cio’ premesso, le possibili soluzioni passano attraverso la procedura di richiesta di rimborso, ed inevitabilmente, per effetto del silenzio rifiuto dell’Agenzia delle Entrate, con il contenzioso.

Lo Studio è specializzato nello specifico sul regime dei impatriati e sull’attività di richiesta di rimborso fino al contenzioso tributario in Commissione Tributaria.

Convegno impatriati commercialista monza traballi

Lavoratori Impatriati: problematiche operative della residenza fiscale e AIRE

L’ordine e la Fondazione dei Commercialisti di Monza e Brianza comunicano che è possibile iscriversi all’evento “Lavoratori rimpatriati: problematiche operative della residenza fiscale e AIRE” con Marco Mosconi e Alberto Traballi.

Nel corso dell’incontro saranno affrontate le principali tematiche riguardanti il regime fiscale dei lavoratori impatriati, con particolare attenzione alle implicazioni della residenza fiscale e AIRE.

La conferenza si terrà il 26 Ottobre 2022 dalle 14.30 alle 17.30 in diretta attraverso la piattaforma GotoWebinar.

Si allega la locandina con le informazioni complete.

Convegno Lavoratori Impatriati
Regime Lavoratori Impatriati Internazionalizzazione

Regime Lavoratori Impatriati: quando spetta? L’ipotesi di smart working e datore di lavoro soggetto estero

Regime Lavoratori Impatriati

Il regime fiscale degli impatriati si applica a favore delle persone fisiche rientrate e quindi residenti in Italia, anche nell’ipotesi di smart working e nel caso di datore di lavoro rappresentato da soggetto estero; questo il principio contenuto nella risposta da parte dell’Agenzia delle Entrate all’interpello n. 596 del 16 settembre 2021.

Con la risposta all’interpello n. 596 del 16 settembre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha ammesso l’applicabilità del regime speciale per i lavoratori impatriati anche in favore di un cittadino italiano iscritto all’AIRE, dipendente di una società statunitense, che rientra in Italia continuando a svolgere l’attività in modalità smart working per la stessa azienda straniera.

L’Ufficio ha infatti ribadito che nelle ipotesi di smart working rileva esclusivamente il luogo effettivo nel quale il lavoro viene prestato con la conseguenza che, al ricorrere di tutte le condizioni previste per fruire dell’agevolazione, il regime speciale per i lavoratori impatriati si applica anche nel caso in cui il datore di lavoro sia un soggetto non residente. 

Il caso relativo all’interpello, riguarda un soggetto italiano che lavora per una società statunitense e che gli ha concesso di svolgere l’attività di lavoro dipendente a distanza dall’Italia in modalità smart-working, per un periodo di almeno due anni.

L’interpello è stato presentato al fine di accertare se è possibile beneficiare a partire dal 2021 (essendo rientrato in Italia da maggio 2021) del regime fiscale di favore degli impatriati, in quanto introdotto per attrarre dall’estero i lavoratori. Inoltre, in presenza della figlia minorenne, l’istante ritiene altresì di poter usufruire del prolungamento per altri cinque anni (oltre ai cinque ordinari), del regime fiscale degli impatriati.

La norma di riferimento del regime dei impatriati è l’articolo 16 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 147 e successive modifiche, ed in particolare dal collegato alla legge di bilancio 2020.

Il citato regime speciale, prevede che i soggetti che a decorrere dal 30 aprile 2019 trasferiscono la residenza in Italia, possano beneficiare di un’esenzione del 70% dell’imponibile fiscale dei loro redditi prodotti in Italia (o 90% in caso di trasferimento di residenza in una delle regioni del “Sud Italia” o delle “Isole“).

Per fruire del trattamento di favore, il lavoratore deve possedere i seguenti requisiti:

  • Trasferire la residenza nel territorio dello Stato ai sensi dell’articolo 2 del TUIR;
  • Non essere stato residente in Italia nei due periodi d’imposta antecedenti al trasferimento e, nel contempo, impegnarsi a risiedere in Italia per almeno due ulteriori anni;
  • Svolgere l’attività lavorativa prevalentemente nel territorio italiano.

Oltre ai cittadini italiani iscritti all’AIRE, possono usufruire del beneficio fiscale anche i cittadini dell’Unione europea o di uno Stato extra Ue con il quale risulti in vigore una Convenzione contro le doppie imposizioni o un accordo sullo scambio di informazioni in materia fiscale:

  • (i) in possesso di un titolo di laurea e a condizione che abbiano svolto “continuativamente” un’attività di lavoro dipendente, di lavoro autonomo o di impresa fuori dall’Italia negli ultimi 24 mesi o più;
  • ovvero (ii) che abbiano svolto “continuativamente” un’attività di studio fuori dall’Italia negli ultimi due anni o più, conseguendo un titolo di laurea o una specializzazione post lauream. 

In merito alle specifiche applicazioni e approfondimenti del regime speciale in argomento, l’Agenzia  richiama la sua precedente circolare 33/E del 28 dicembre 2020. Nello specifico, il paragrafo 7.5 della menzionata circolare, precisa che la normativa non richiede che l’attività sia svolta per un’impresa operante sul territorio dello Stato; conseguentemente possono accedere all’agevolazione i soggetti che vengono a svolgere in Italia la loro attività alle dipendenze di un datore di lavoro con sede all’estero, o i cui committenti (in caso di lavoro autonomo o di impresa) siano stranieri (non residenti). 

Un punto di particolare rilevanza espresso dall’Amministrazione Finanziaria è il fatto che il lavoratore impatriato potrebbe configurare una stabile organizzazione nel territorio dello Stato del datore di lavoro non residente, ai sensi di una Convenzione contro le doppie imposizioni conclusa dall’Italia, ove esistente, o ai sensi dell’articolo 162 del TUIR. In tal caso, il regime speciale in esame non si estende al reddito d’impresa imputabile al datore di lavoro estero, che sarà, pertanto, assoggettato a tassazione ordinaria.

Infine, l’interpello si sofferma poi sull’estensione dell’agevolazione del regime degli impatriati, in presenza di un figlio minorenne che, permette, all’Istante, di fruire dell’agevolazione per ulteriori cinque periodi d’imposta, con tassazione del reddito agevolato nella misura ridotta del 50%. 

L’agevolazione è fruibile per un quinquennio a decorrere dal periodo di imposta in cui trasferiscono la residenza fiscale in Italia e per i quattro periodi di imposta successivi.

Video intervista per la presentazione del libro Arte e Fisco

Video Intervista a Canale Europa

Presentazione del libro “Arte e Fisco” – Video Intervista

Proponiamo il link alla video intervista all’Avv. Simone Facchinetti e il Dott. Alberto Traballi, prodotta da Canale Europa, in cui presentiamo il libro “Arte e Fisco, La gestione legale e fiscale delle opere d’arte”.

Video Intervista Presentazione del Libro “Arte e Fisco”

Recensione Arte Fisco

Recensione al libro “Arte e Fisco” – Collezione da Tiffany

“Quando, ormai quasi 10 anni fa, ho creato Collezione da Tiffany, quello degli aspetti legali e fiscali legati all’arte è stato fin da subito uno dei  punti principali del progetto editoriale che avevo deciso di lanciare.

Il motivo era semplice: erano (e sono) un pilastro del collezionismo consapevole, ma nessuna guida al collezionismo li trattava con dovizia di particolari.

Pochissime erano, peraltro, almeno in Italia, le pubblicazioni dedicate a questo argomento e spesso molto “tecniche” e, dunque, poco indicate per il semplice collezionista o il professionista in cerca di uno strumento agile che gli facesse da bussola.

Negli anni si è cercato di comare questa “lacuna” nel panorama librario del nostro Paese con varie pubblicazioni, ma raramente si è riusciti a dare alle stampe un testo completo e di semplice fruizione. 

Ce l’hanno fatta Simone Facchinetti, Francesco Olivieri, Alberto Traballi e Ennio Vial che a novembre 2020 hanno pubblicato, con Maggioli Editore, il volume Arte e Fisco. La gestione legale e fiscale delle opere d’arte.” […]

Continua a leggere su Collezione da Tiffany

Traballi Taxadvisor Arte Fisco
Traballi Commercialista Monza Arte Fisco Libro

Arte e Fisco. La Gestione legale e fiscale delle opere d’arte

Il progetto editoriale “Arte e Fisco” nasce dalla rilevante crescita del mercato dell’arte, dovuta al particolare interesse da parte di semplici collezionisti, di investitori e di riflesso degli operatori del settore giuridico, fiscale e del wealth management. In particolare il libro, con casi ed esempi, risulta essere un utile supporto per gli operatori affinché siano in grado di orientarsi tra gli aspetti giuridici, fiscali e successori del mondo dell’arte.

La trattazione prende le mosse della definizione di opera d’arte e di diritto d’autore per esaminare successivamente le tutele giudiziarie azionabili, le procedure di conciliazione, arbitrato e mediazione, illustrandone i procedimenti e i risvolti concreti. Vengono esaminati strumenti del progresso tecnologico tra cui blockchain, smart contractor, Intelligenza Artificiale e la tokenizzazione, che rappresentano nuove opportunità e certezze anche nei trasferimenti della proprietà e nella circolazione delle opere d’arte, strumento di investimento alternativo al settore immobiliare.

L’opera tiene conto del distinguo delle figure del “collezionista speculatore”, i cui effetti di ripercuotono sulla tassazione delle plusvalenze e sono oggetto di particolare monitoraggio da parte dell’Amministrazione Finanziaria.

Gli autori analizzano l’opera d’arte dal punto di vista fiscale, tra i redditi di lavoro autonomo e nel reddito di impresa, con l’obiettivo di evidenziare i tratti salienti e gli effetti collegati. Particolare attenzione è stata posta alla circolazione delle opere d’arte, “da e verso l’estero”, esaminandone gli adempimenti ai fini Iva e doganali, a alla possibilità di utilizzarle per pagare le imposte.

Il libro si focalizza inoltre sull’impiego della sponsorizzazione, del mecenatismo e della filantropia quali strumenti per sostenere il mondo dell’arte, sia da parte delle persone fisiche che da parte dei soggetti giuridici, evidenziandone vantaggi e differenze, anche rispetto a strumenti utilizzati in altri Paesi.

In ultimo, l’attenzione viene spostata sul più ampio mondo della pianificazione patrimoniale e del passaggio generazionale tramite l’istituto del trust, con analisi dei possibili utilizzi anche internazionali.